Passione Gourmet Ristorante Trattoria della Posta, Chef Gianfranco Massolino, Monforte d’Alba (CN), di Alessandro Pellegri

Trattoria della Posta

Ristorante
località Sant'Anna, Monforte d'Alba (CN)
Chef Gianfranco Massolino
Recensito da Presidente

Valutazione

13/20

Pregi

  • Cucina semplice e dai prezzi corretti.
  • Bella carta dei vini.

Difetti

  • L’offerta è basica, rispetto alla moltitudine di proposte in zona.
Visitato il 03-2013

Ah, le Langhe!
Croce e delizia di ogni gourmet, ogni periodo dell’anno è buono per un passaggio da queste parti. La vendemmia, i tartufi, le nocciole, i formaggi… è sempre una festa per i sensi, 365 giorni all’anno. Grazie ad una serie interminabile di prodotti tipici e una cultura votata alla valorizzazione degli stessi come risorsa, è questa una zona dove anche giocando a mosca cieca con i campanelli c’è il serio rischio di un pranzo di qualità.
Al netto degli onnipresenti indirizzi acchiappaturisti, ben ripartiti tra improbabili agriturismi e dubbie cantine, la qualità media food&wine è decisamente alta, con indirizzi capaci di accontentare un’ampia fascia di palati e le relative potenzialità di spesa.

Nel girone tuteliamo-le-cardiopatie-del-tuo-direttore-di-banca rientra indubbiamente la Trattoria della Posta, storico indirizzo a Monforte d’Alba che propone una cucina della tradizione, dalla staticità del menù altrettanto storica, seconda solo ai nomi dei panini in Autogrill.
Attenzione a non farsi confondere però dal nome o dall’esecuzione piuttosto basic dei piatti: il servizio, la location, la sua impostazione e la relativa cucina non sono da trattoria, bensì ben più affini all’ideale di ristorante. Una bella sala in stile classico con un ampio camino in centro accolgono il cliente in un ambiente rigoroso, silenzioso e tranquillo ma mai freddo, senza ostentazioni né particolari eccessi.
Sulla cucina, una volta chiarita la volontà di proporre la versione strettamente langarola, non c’è sinceramente troppo da dire. I piatti sono, come oramai quasi sempre accade, riproposti più alleggeriti e quindi più adatti alle necessità ed ai gusti dei nostri giorni, ma le basi sono quelle tradizionali da generazioni e non c’è, per scelta, alcuna volontà di stravolgerle.
Quindi, al netto di un paio di veniali imprecisioni di temperatura, è una cucina che fa virtù della sua semplicità, e grazie alle materie di buon livello e ad accostamenti affidabili come un cane guida, tutti i piatti risultano correttamente eseguiti e piacevoli.
Il rovescio della medaglia è il rischio della percezione che ha il cliente, al momento della scelta del ristorante: offrendo cucina che apparentemente quasi non si distingue, se non per la raffinatezza delle materie, da quella di una buona trattoria, in una terra dove l’offerta è così ampia e variegata, dalla bettola al tristellato, c’è il rischio concreto di passare per un’osteria dalle inarrivabili ambizioni, troppo cara in relazione alla modesta offerta.
Da parte nostra sappiamo bene che non è così, tant’è che possiamo serenamente consigliare un passaggio. Se siete in cerca di un sobrio pranzo (visto che la zona ben si presta, magari come nel nostro caso nel trasferimento da una cantina all’altra), non eccessivamente impegnativo sotto tutti i punti di vista, soprattutto da quello economico, la Trattoria della Posta è una valida scelta, non ve ne pentirete.

Una bella carta dei vini, come giustamente ci si aspetta in Langa, è a disposizione del cliente, con una buona panoramica dai prezzi mediamente corretti sulle proposte della zona, con qualche ricarico più marcato sulle bottiglie extra-Piemonte. Plus per l’interessante offerta di mezze bottiglie e di vini al calice

Il pane ed i grissini.

Benvenuto dalla cucina. Freddo, nella temperatura e nell’aspetto.

Il vino, una delle proposte al calice.

Il rotondino di vitello cotto nel sale con salsa tonnata. Un buon vitello tonnato, ottima carne e salsa ben eseguita.

La carne cruda battuta al coltello con Tondo di Macra (e tartufo nero disidratato, uovo e senape).

Gli agnolotti del Plin al burro fuso. Senza troppi giri di parole, molto buoni.

Lo stinco di vitello al vino Barolo, accompagnato da verdure al vapore.

Predessert. Un piccolo tiramisù.

Il dolce di nonna Tilde (Bunet, torta di nocciole , gelato al caffé, pera madernassa cotta nel vino). Aspetto tristino, in realtà un dessert molto piacevole.

1 Commento.

  • Corrado4 Maggio 2013

    Alessandro hai colto nel segno! La Posta e' un ottimo locale per un pranzo non troppo impegnativo. Tuttavia credo che in zona, rimanendo nel soloo della cucina del territorio, perda il confronto con altri indirizzi, che offrono un livello qualitativo piu' elevato. Due per tutti: Antica Corona Reale a Cervere e Guido a Pollenzo

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *