Passione Gourmet Manicardi nuovi vini Lambrusco ristorante 28 Posti - Passione Gourmet

I nuovi vini di Manicardi e gli abbinamenti gourmet

di Alberto Cauzzi

Tre nuovi vini firmati Manicardi, produttore di Lambrusco e aceto balsamico sulle colline di Castelvetro di Modena, sono stati presentati in anteprima a Milano con un percorso di degustazione studiato insieme a Marco Ambrosino, chef del 28 Posti di Milano. Il tris di bottiglie sarà quindi riproposto al Vinitaly, tra il 15 e il 18 aprile. La cantina emiliana e la cucina d’ispirazione campana si sono sposati benissimo. Marco Ambrosino ha proposto sul tavolo il suo classico, ma sempre sorprendente benvenuto, per un brindisi con il Lambrusco Grasparossa Biologico Enzo 2017, dedicato dalla figlia Maria Livia al padre, fondatore dell’azienda mancato 20 anni fa. A seguire, viene stappato un bianco fermo. Una sorpresa pre-pasquale. Albus Albi, un Grechetto 2016, gentile e giovane (Pignoletto 60% eTrebbiano 40%), ma con un carattere notevole e deciso, abbinato a un piatto Carciofo, tartufo nero, brodo di pane, olio al carciofo bruciato e aceto balsamico. Fumo e brace sono una costante nella cucina del 28 Posti.

La terza novità è un rosso fermo, un vitigno quasi autoctono (ha origini liguri) anch’esso degno di nota, il Malbo gentile in purezza , in etichetta Ruby Laury. Bello, strutturato e leggermente amabile. Lo chef lo ha accostato a un Fusillo, mandorle, limone e cime di rapa memorabile. Memorabile come il dolce del finale di Cioccolato affumicato, cipolla, lampone fermentato, lattuga di mare, sorbetto di aceto balsamico stravecchio.