Passione Gourmet L'Auberge Basque, Cédric Béchade. Helbarron - Pyrénées Atlantiques - By Orson - Passione Gourmet

L’Auberge Basque, Cédric Béchade. Helbarron – Pyrénées Atlantiques – By Orson

Ristorante
Recensito da Presidente

Valutazione

14/20 Cucina prevalentemente classica

Pregi

Difetti

Visitato il 05-2022

Img_2736

Recensione ristorante.

François Simon ne parla come di un esempio della nuova hotellerie, e allora, visto il sito e le belle foto, in un passaggio nei Paesi Baschi ho deciso di fare qui il campo base per le scorribande oltre frontiera. In più, fissando un paio di cene in albergo per conoscere la cucina di Cédric Béchade, giovane e prestante ex secondo di Piège con precedenti esperienze bocusiane.

Sulla sistemazione alberghiera, nell’ala moderna della bella casa tradizionale basca a una decina di chilometri da Saint-Jean-de-Luz, c’è da dire il meglio possibile: di eleganza sobria, molto confortevole, a prezzi ragionevoli (sui 180 euro una grande stanza doppia con balcone sul giardino). Siete a pochi chilometri dal mare e nel pieno della campagna basca, a pochi minuti (traffico estivo permettendo) da Biarritz e una mezz’ora da San Sebastian (e le sue tentazioni …).

L’esperienza culinaria, provata in un duplice passaggio (il menù decouverte a lodevoli 43 euro, senz’altro superiore alla carta provata la sera successiva) è, invece, molto al di sotto delle aspettative forse esagerate, alimentate peraltro da un folgorante amuse-bouche: la mousse di maccarello in gelatina di limone fa presagire mirabilie che non seguiranno, bilanciando sapientemente il riferimento al territorio con una preparazione modernissima, rinfrescante, degna del miglior Inaki.

Illusi, proseguiamo benino con l’axoa di agnello ai capperi, crumble di acciughe e marmellata di pomodori e peperoni rossi, più didascalica nel richiamo al terroir ma complessivamente equilibrata e ghiotta.

Il merluzzo di Saint-Jean al lapsang-souchong, patata fondente al prezzemolo e peperone dolce di Guernica è una prova di stile abbastanza dimenticabile, da buon neobistrot.

Eccellenti i formaggi locali, che precedono un dolce di sfacciata golosità: la prugna Reine Claude passata in padella al miele di erica con gauffre al timo è anch’essa soprattutto molto golosa, ma nulla ha a che vedere con le migliori realizzazioni provate dal suo mentore.

Se sin qui eravamo in un locale non esaltante ma agilmente sul 15 della nostra scala, la prova alla carta è stata decisamente peggiore. Il torrone di foie gras con mandorla, fagiolini e ciliegia all’aceto di mela, fa rimpiangere parecchio il formidabile e decisamente più elegante risultato dei Roca sul tema, il carciofo di Navarra con cozze e vinaigrette allo Sherry è davvero mal riuscito.
Pesante, poi, la triglia croccante alle alghe, aceto di mango e ragù di coquillage. Buoni, ancora una volta spinti sulla golosità, i nem di piccione con melanzane pomodori e zucchine.

Pessima riuscita, infine, per l’omelette norvegese al cioccolato e rum flambé ( lasciato a “flambare” sino a bruciarsi ) con uva e banana, mentre è discreta, senza particolari sussulti, la torta al formaggio con fragole e pistacchi caramellati, gelato al formaggio e granita di fragola.

Impeccabile il giovane servizio e l’offerta di vini, da una carta originale e con un sommelier di provenienza Veyrat.
Per dirla chiara: ottima base ( aggiungete a quanto detto sopra sull’hotel un’eccellente colazione mattutina, peraltro non economicissima ) per andare a cena ( o pranzo ) oltre frontiera, perché il confronto con i maestri di San Sebastian ( o con le formidabili tapas di Alona Berri ) è semplicemente improponibile.

Altri piatti in immagini:

Mousse di maccarello in gelatina di limone

img_2739

Nem de pigeon…

Img_2736

Triglia croccante

Img_2743

il pregio : Le ottime materie prime.

il difetto : Una cucina decisamente meno elegante del contesto.

L’Auberge Basque – Cédric Béchade
D 307 vieille route de St Jean de Luz
Helbarron / Saint-Pée – France
Tél:+33 (0)5 59 51 70 00
Fax :+33 (0)5 59 51 70 17
Email : contact@aubergebasque.com
Chiuso: lunedì e martedì, venerdì e sabato a pranzo (tranne in estate)
Numero coperti: 40
Alla carta: 65 €
Menu degustazione: 43 €, 48 €, 85€

http://www.aubergebasque.com/

Visitato nell’ Agosto 2009

Visualizzazione ingrandita della mappa

Orson

5 Commenti.

  • AvatarProsit1 Settembre 2009

    Sbaglio o non è molto distante da questo altro posto, di cui pure ha parlato Simon? http://francoissimon.typepad.fr/simonsays/2009/05/hegia-entre-arvo-p%C3%A4rt-m%C3%A9lancolie-et-fulgurances.html

  • Avatarorson2 Settembre 2009

    Non sbagli, è molto vicino, ma costa molto meno. Hegia deve essere davvero affascinante come sistemazione alberghiera, non so come cucina che, peraltro, è obbligatoria (nel senso che il prezzo la include). Sono bellissime zone, davvero

  • AvatarProsit2 Settembre 2009

    Caspita, hai ragione: 600 euro per camera, cibo e vino! Grazie anche per le indicazioni geografiche: dunque vale la pena di non ascoltare le direne gratonomiche della Costa Azzurra e della Provenza, e spingersi oltre ...

  • AvatarProsit2 Settembre 2009

    oops, intendevo "sirene gastronomiche"!

  • Avatarorson3 Settembre 2009

    Cose diverse (ci si può stare benone in costa Azzurra), ma a mio avviso, sì, in Spagna ci sono eccellenze non comparabili. Stay tuned, perché arriveranno altre rece su entrambe le zone molto presto

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *