Lunedì 8 Ottobre, in occasione della Milano Wine Week, a Palazzo Bovara si è tenuta la degustazione Vini del luogo, Gusto del luogo: i vini di Podere Forte – Val d’Orcia.

L’azienda agricola toscana, nata nel 1997 a Castiglione d’Orcia (SI), si estende su una superficie di 470 ettari, all’interno dei quali si producono olio extravergine di oliva, miele, frumento, oltre ad allevare maiali di cinta senese, vacche di razza Chianina, pecore Suffolk e animali da cortile. Un ristretto numero di questi ettari -22 per la precisione- è vitato e origina 3 etichette biologiche e biodinamiche: Petrucci, Guardiavigna, (i due “grand cru”) e Petruccino.

Petrucci, dal nome dell’antico podere aziendale, proviene dalle migliori parcelle; è un rosso 100% Sangiovese, affinato 16 mesi in legno (barrique di rovere francese, tonneau e botte) e 24 in bottiglia. Delle tre annate presenti alla degustazione (2008, 2013, 2014), abbiamo apprezzato in particolare la seconda, per le note di frutta a bacca rossa e confettura di ciliegie, per i sentori balsamici, floreali e legnosi, e per il tannino setoso.

Guardiavigna (2010, 2012, 2014) è il taglio bordolese dell’azienda. In primis la struttura del Cabernet Franc, quindi la gentilezza del Merlot e la complessità e persistenza del Petit Verdot, per un vino che si fa apprezzare per le note balsamiche e per il suo equilibrio al palato.

Petruccino, infine, è il vino più recente e più prodotto dall’azienda. Come Petrucci, è un 100% Sangiovese, ma viene prodotto a partire dai vigneti più giovani, quindi affinato 12 mesi in barrique e 9 in bottiglia. Si fa apprezzare per il carattere e per la fresca vivacità del Sangiovese in purezza.