IN BREVE
Pregi
  • Una cucina originale e con spunti avanguardistici interessanti.
  • Una carta dei vini enciclopedica.
DIFETTI
  • Ricarichi molto importanti sui vini.
  • Servizio non all'altezza della cucina.
17/20 Valutazione

Carlo Cracco si è montato la testa, Carlo Cracco non sa cucinare, Carlo Cracco è antipatico. E al ristorante di Carlo Cracco non si mangia poi così bene.
E’ il destino di chi diventa famoso, sembra quasi il pegno da pagare quello che contrappone la fama e la notorietà al chiacchiericcio e alla delazione sotto varie forme e sfumature.
Bene, noi possiamo tranquillamente affermare, dopo molteplici visite, che non è affatto così.

Carlo Cracco è e rimane un grande cuoco. E sopratutto, la cosa più importante (e anche l’unica che di fatto ci riguarda), al suo ristorante si mangia molto bene. Carlo ha una dote in particolare, tra le tante: sapersi scegliere i collaboratori. E dopo la dipartita del fuoriclasse Matteo Baronetto la sfida si prospettava molto ardua. Luca Sacchi, ex capo pasticcere, viene messo alla guida delle cucine. Quanto vociferare a questo annuncio alcuni anni or sono. Ma Luca Sacchi ha dimostrato quanto Carlo Cracco abbia l’occhio lungo, perché questo ragazzo ha talento e stoffa da vendere.

Nel solco cracchiano, che imprime una cucina fatta di morbidezze, di rotondità e di nuances sucrè-salè, in cui l’incursione delle acidità è sottile quanto secondaria, Luca ha contaminato le preparazioni con tecniche di pasticceria e tanta originalità spostando, crediamo volutamente, il gusto verso un più internazionale sentore agrodolce.
Il tutto pare studiato attentamente a tavolino, dopo il successo mediatico del Carlo nazionale. Orde di stranieri, del nuovo mondo ma non solo, potrebbero colonizzare via Victor Hugo, in attesa che questo prezioso scrigno si trasferisca l’anno prossimo nella vicina Galleria Vittorio Emanuele II.

Ecco allora uscire dalle cucine un sentimento volto all’accoglienza di ospiti stranieri, oltre che italiani, decisamente adeguato al momento storico che il ristorante sta attraversando. Aggiungendo qua e là un pizzico di provocazione, con una spezia o con un contrappunto. Molto meno azzardo di un tempo, quando alla corte era presente l’enfant prodige Baronetto. Molta la precisione gustativa, molta la tecnica, come sempre del resto. E, forse voluta, molta meno attenzione all’impiatto. Che, seguendo illustri predecessori (pensiamo a Massimiliano Alajmo) potrebbe circostanziarsi in un distacco progressivo dalla forma per arrivare dritti alla sostanza e alla centralità gustativa. Più jazz, più apparente improvvisazione, più fascino dello “sporco” e dell’imperfetto. O per lo meno speriamo sia così.
Seguendo una scia che trascina di fatto il profilo gustativo ancor più in alto: pensate a quanto di saggio e concentrato -è ovviamente un’iperbole- c’è nei ” Brutti ma buoni”. Quel ma vuol dire e significare molto.

Ecco quindi arrivare in questo palcoscenico vere e proprie opere prime come i fusilli al plancton con polvere e crudo di funghi porcini, piatto sensazionale. Oppure ancor di più un germano cotto nella terracotta al lentisco, che dona una nota balsamica a questo ottimo volatile della macelleria Zivieri, accompagnato da castagne al rhum -qui il tocco fine del pasticcere- e da una eterea purea di topinambur, intensa e aromatica. E che dire del colpo di genio di Cracco con granita di nocino, caviale, panna, crema di mandorle e scalogno? Come definire se non geniale un cuoco che ha inventato questo abbinamento riuscendo a tenerlo in equilibrio?
Ma, durante la lunga cena, troverete innumerevoli altri spunti interessanti.

Crediamo solo che sia il momento, per ora, di tenere il freno a mano tirato nel giudizio. Solo per avere il giusto margine alla prossima visita, sperando -ma non ne abbiamo dubbi- nella continuità, in qualche impiatto più consistente e meno rude e in qualche ulteriore sottolineatura. Certi che già ora, qui, in via Hugo, vale la pena di venire per trovare una cucina tra le più originali dello stivale, per idee e per esecuzione.
Qualche difetto? La sala, non all’altezza della cucina. E quelle sfumature descritte più in alto, che possono avere una spiegazione logica e coerente ma che a noi non hanno convinto sino in fondo.

Il pane, tra gli aspetti migliorabili (l’abbiamo trovato troppo biscottato).
520
Amuse bouche.
520
520
Il vino.
520
La famosa e sempreverde insalata russa caramellata.
520
Ecco il biglietto da visita: Branzino marinato e servito crudo con mais liofilizzato, insalata di mare a foglie (gamberi e seppia), erbe e croccante di cipolla caramellata, aceto di scalogno, pepe di sancho – che fornisce una lunghezza impressionante – lime, gamberi e barbabietola liofilizzati. Un tripudio di ingredienti, tutti centrati e tutti al loro posto. Un perfetto inizio.
520
Gamberi Viola di Albenga, polvere di pistacchio, barbabietola. Qui il tocco geniale è la barbabietola aromatizzata al caffè e arancio, che dona una nota terrosa-speziata e acida all’insieme per proseguire. Interessante il dolce-grasso del pistacchio ad accompagnare ed allungare la dolcezza del gambero, di qualità elevatissima.
520
Pappa al pomodoroTipica zuppa contadina a base di pane, pomodoro e olio extravergine, caratteristica della Toscana.... che sistema il difetto atavico della pasta di uovo di Carlo Cracco, donando morbidezza, acidità e arrotondando l’appiccicoso senso degli spaghetti. A completare foglie di lardo affumicato e polvere tannica di un’erba.
520
Fenomenali fusilli al Plancton e funghi porcini.
520
520
Stupendo risotto ai tre pomodori caramellati, con il tocco della crema di mozzarella e della polvere di cumino, la chiusura del cerchio gustativo.
520
Il germano cotto nella crosta al lentisco.
520
Chapeau!
520
Astice blu con bernese all’arancio.
520
Nocino, mandorla, caviale, panna… et voilà!
520
Un formidabile arancino al riso e latte ripieno di zabaione.
520
520
520

Visitato il 18-10-2016

A proposito dell'autore

Alberto Cauzzi

Imprenditore della New Economy con il pallino dell’enogastronomia, gira il mondo a caccia del miglior ristorante di alta cucina, non ancora trovato. Al vino è approdato apparentemente per caso, provenendo da una famiglia di astemi. Scoprì in seguito che un suo bis-nonno era un ottimo produttore di vino, nebbiolo in Valsesia, ed anche un discreto consumatore. E’ stato l’ideatore ed è il presidente del progetto Passione Gourmet. Le sue passioni: l’avanguardia misurata in cucina e i grandi vini di Borgogna.

8 Risposte

  1. Bang

    Se posso rispondere ad una delle domande iniziali, certamente da Cracco non si mangia male. Secondo me però quello che prometteva di essere uno chef di levatura mondiale si è un po’ perso via fra programmi televisivi, altre fatiche mediatiche, e chissà cosa altro.
    Secondo il mio personalissimo giudizio il 17/20 ci sta a fatica, soprattutto pensando ad altri che se lo sono meritato (per citare un locale concittadino, Bartolini).
    A mio giudizio a Milano, benché i prezzi siano probabilmente i più alti della città, Cracco è sorpassato da Taglienti, Guida, Bartolin Berton, Aimo&C, e se la gioca con un altro paio di nomi.

    Rispondi
    • Presidente
      Presidente

      Secondo me invece ha molta originalità e sempre un coefficiente di difficoltà elevato nei suoi piatti. Poi alcuni riusciti e altri meno, ma originali e certamente avanguardistici. D’altra parte, chi si prende più rischi rischia anche di più il fuori giri. Imparagonabile quindi con alcuni dei nominati

      Rispondi
  2. roberto

    Non per perorare la causa di Bang, ma escludendo(forse) Aimo, chi fra Taglienti, Guida, Bartolin e Berton non si prende i suoi rischi? Auguri.

    Rispondi
  3. Bang

    Sarebbe interessante un sistema per ordinare i ristoranti recensiti su PG in base al voto. Oggi volevo organizzare una mappa dei ristoranti eccellenti da visitare nei prossimi 12 mesi e tale strumento mi sarebbe stato utile.
    Grazie comunque delle belle recensioni…

    Rispondi
    • Presidente
      Presidente

      C’è! Sotto la voce recensioni, seleziona ad esempio cucina classica. Di fianco appare una maschera di archivio che ti consente di ricercare per anno, voto e tipologia di cucina. Poi c’è anche una fantastica ed efficace mappa con criteri di ricerca! facci sapere

      Rispondi
      • Bang

        Avevo provato. Il voto non è selezionabile, c’è solo l’opzione “qualsiasi”.
        Mi pare che tempo fa fossi riuscito a selezionare i ristoranti in base al voto, ora non più.
        Grazie!

      • Presidente
        Presidente

        Per ricercare essendoci metri di voto differenti (cipolle, mozzarelle e ventesimi) devi selezionare prima una tipologia di ristorante e poi selezionare la ricerca del voto. Ciao

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata