IN BREVE
Pregi
  • Una delle migliori cucine del mondo.
  • Uno dei migliori servizi di sala del mondo.
  • Uno dei migliori ristoranti del mondo.
DIFETTI
  • La pasticceria risulta un po' meno sofisticata rispetto al resto.
19/20 Valutazione

Per raccontare i Troisgros è necessario soffermarsi sulla famiglia, prima ancora che sui singoli individui, analizzando la magia che sono in grado di creare durante la trasmissione dei geni di generazione in generazione, limpido esempio di come il talento puro possa essere tramandato.

Ammirando la semplicità con cui tutto si svolge, ci si renderà conto di essere al cospetto di qualcosa di superiore, di immenso, forse di divino. Una straordinaria decisione che si mostra nella consapevolezza di essere una parte tangibile di storia, non solo inerente alla gastronomia, ma di riferimento all’evoluzione di una nazione intera. Con una acuta delicatezza il fluire degli anni viene accompagnato, raggiungendo l’obiettivo che coincide con il visionario e romantico tentativo di addomesticare il tempo, dandogli un’importanza relativa, facendo sì che sia esso stesso a seguire i dettami che loro, gli interpreti generazionali Troisgros, gli impongono.

E come lo scorrere del tempo pare non essere un problema, in casa Troisgros si è deciso di voler veicolare una sensibilità innata nei confronti degli ingredienti attraverso il loro dominio, in modo da riuscire nell’intento di saper ascoltare la natura e apprezzare quanto lei possa offrire, ma allo stesso tempo di saperla gestire e plasmare a proprio piacere. Ciò rende il cuoco stesso natura, in una prospettiva gerarchica ben definita che lo vede sovrano, in cui ogni elemento conosce il proprio ruolo e si attiene a svolgere il proprio compito nella miglior maniera possibile. Non si potrebbero spiegare altrimenti le sfumature aromatiche presenti in ogni preparazione, quasi impercettibili eppure fondamentali per la riuscita di composizioni inarrivabili.

D’altronde se qualcuno ha inventato i fiori e il loro profumo, allora sarà compito dell’artista concedersi la licenza di ricrearne tutte le sfumature olfattive ed emotive all’interno di un piatto. La fortuna in questo caso è che il genio in questione si trova a Roanne, di professione fa il cuoco e che a quanto pare ha saputo assimilare la sua straordinaria dote dal padre, sapendola ora trasferire al figlio.

I Troisgros hanno saputo prendere la tradizione francese, rielaborarla con squisito tatto, in modo da lasciarne inalterati i tratti, contestualizzandola però alla contemporaneità. Lo studio delle acidità, il loro apporto al piatto, non solo in chiave meramente gustativa ma propriamente culturale, ha regalato un nuovo modo di concepire la cucina, sfiorando l’interpretazione classica con un’anima straordinariamente moderna. L’acidulè presente nei piatti riempie l’esperienza come le virgole danno un senso ad una frase, divenendo quindi un tutt’uno con essi, in modo da non poterli più immaginare senza il suo apporto. Un’impronta creata e lasciata in eredità al mondo della gastronomia con il marchio registrato ben impresso.

La decisione e la naturalezza che traspaiono ad ogni boccone è interdittoria per chiunque. La nettezza impressa dalle erbe aromatiche, il grado garbato di acidità di ogni fondo, la cottura rispettosa della materia, riescono ad essere difficilmente spiegabili se non attraverso la loro fruizione materiale. Una commistione di culture e tecniche di lavorazione al servizio di un grande palato. Trippa, plin al pomodoro e nocciole, foglie di sedano e coriandolo con succo di anatra e aceto esemplifica la filosofia di cucina di casa, andando a toccare morbidamente tradizioni culinarie diverse, armonizzandole tra loro attraverso i dettagli acidi e aromatici della mandorla cruda, della foglia di sedano e dell’aceto presente nel succo d’anatra. Un trionfo di sfumature necessarie che trovano la loro essenza all’interno di una complessità di architettura del piatto e di metodologia ferrea, ma che come risultato regalano un’emozione, che in quanto tale riesce ad essere comprensibile a tutti.

Grazie a Troisgros abbiamo potuto raggiungere livelli di piacevolezza come mai prima in ambito gastronomico. Ma lo spunto di riflessione per capirne la grandezza potrebbe essere un altro. A che punto saremmo se il ristorante Troisgros non fosse mai esistito? Sicuramente mancherebbe un tassello fondamentale per concepire l’idea che la perfezione risiede nella semplicità, singolare affermazione che riguarda il mondo dell’arte nella sua interezza, di cui la famiglia Troisgros ne rappresenta l’epitome in chiave gastronomica.

Uno scorcio della sala.

sala, Troisgros, Chef Michel Troisgros, César Troisgros, Roanne, France
Pomodoro caramellato, sesamo e zenzeroLo zenzero (Zingiber officinale Roscoe, 1807) è una pianta erbacea delle Zingiberaceae (la stessa famiglia del Cardamomo) originaria dell'Estremo Oriente. Coltivata in tutta la fascia tropicale e subtropicale, è provvista di rizoma carnoso e densamente ramificato dal quale si dipartono sia lunghi fusti sterili e cavi, formati da foglie lanceolate inguainanti, sia corti scapi fertili, portanti fiori giallo-verdastri con macchie.... Un classico leggendario.
pomodoro, Troisgros, Chef Michel Troisgros, César Troisgros, Roanne, France
Anguria, pepe, biscotto al parmigiano e mostarda; panna cotta al limone verde e giallo con riso fritto; pane soffiato con purè di carote e zest di limone.
anguria, Troisgros, Chef Michel Troisgros, César Troisgros, Roanne, France
Il burro e il panino al burro.
burro, Troisgros, Chef Michel Troisgros, César Troisgros, Roanne, France
Il pane.
pane, Troisgros, Chef Michel Troisgros, César Troisgros, Roanne, France
Il primo dei vini in abbinamento.
vini, Troisgros, Chef Michel Troisgros, César Troisgros, Roanne, France
Insalata rossa. Pompelmo, radicchio, mirtilli, ravanelli, anguria, rabarbaro. Un’entrata trionfante che ruota attorno ad un gioco freddo di consistenze, tra dolcezze, punte acidule e qualche nota amaricante.
insalata rossa, Troisgros, Chef Michel Troisgros, César Troisgros, Roanne, France
Cozze, crema di zafferano, funghi, velo di latte e mandorla fresca. Elogio all’eleganza. Incredibile l’apporto aromatico della mandorla. Grande piatto in cui la tecnica estrema si fonde con una piacevolezza di base non scontata.
cozze, Troisgros, Chef Michel Troisgros, César Troisgros, Roanne, France
Trippa, plin al pomodoro e nocciola, foglie di sedano, coriandolo e succo d’anatra ed aceto. Una colpa per ogni appassionato che non si sia ancora concesso il piacere di assaggiarlo.
trippa, Troisgros, Chef Michel Troisgros, César Troisgros, Roanne, France
Gamberi di fiume, indivia, lampone, fiori di ciliegio e acqua di pomodoro. Passaggio straordinario. L’acidità più spinta rispetto agli altri piatti è smorzata e resa elegante dalla perfetta cottura dei gamberi. I fiori di ciliegio si manifestano come attori non protagonisti del piatto regalando dinamismo ad ogni boccone. Esemplare.
Gamberi, Troisgros, Chef Michel Troisgros, César Troisgros, Roanne, France
Maranges, Troisgros, Chef Michel Troisgros, César Troisgros, Roanne, France
Sogliola sovrapposta, crosta di pane, cipolla marinata in aceto, erba cipollina, salsa dashiE' un leggero e limpido brodo di pesce, caratteristico della cucina giapponese, usato come base di minestre e come ingrediente liquido di molte preparazioni. Il dashi forma la base per la zuppa di miso, il brodo chiaro e i noodles in brodo.... e panna. Piatto meno fotogenico ma non per questo inferiore ai precedenti. La cottura della sogliola è da manuale, mentre la golosità della salsa è dosata grazie all’acidità della cipolla marinata.
Sogliola, Troisgros, Chef Michel Troisgros, César Troisgros, Roanne, France
Animelle, curry e arancia, zucchine e fondo di vitello. Piatto di un equilibrio sottilissimo e perfetto. Da Troisgros ogni ingrediente ha un’importanza fondamentale per la riuscita della preparazione.
Animelle, Troisgros, Chef Michel Troisgros, César Troisgros, Roanne, France
Gevrey- Chambertin, Troisgros, Chef Michel Troisgros, César Troisgros, Roanne, France
Il carrello dei formaggi.
carrello die formaggi, Troisgros, Chef Michel Troisgros, César Troisgros, Roanne, France
Nel dettaglio.
formaggi, Troisgros, Chef Michel Troisgros, César Troisgros, Roanne, France
formaggi,Troisgros, Chef Michel Troisgros, César Troisgros, Roanne, France
Il nostro piatto di formaggi.
formaggi, Troisgros, Chef Michel Troisgros, César Troisgros, Roanne, France
Confetture di ciliege e pepe e di pomodori e vaniglia in abbinamento.
confetture, Troisgros, Chef Michel Troisgros, César Troisgros, Roanne, France
Viallat est passé par là. Omaggio al pittore di Nîmes composto da menta, rabarbaro e cocco su un letto di biscotto crumble.
vallata, Troisgros, Chef Michel Troisgros, César Troisgros, Roanne, France
Millefoglie, arancia amara e frutti di bosco.
millefoglie, Troisgros, Chef Michel Troisgros, César Troisgros, Roanne, France
La piccola pasticceria.
piccola pasticceria, Troisgros, Chef Michel Troisgros, César Troisgros, Roanne, France
Il bel giardino esterno.
giardino, Troisgros, Chef Michel Troisgros, César Troisgros, Roanne, France

Visitato il 10-2016

2 Risposte

  1. gino daquino

    Vorrei poter commentare ,..ma è troppa, tanta la grandezza di questo Immenso chef di Francia, vedere la trippa ,l’animella , piatti da Urlo , i gamberi alla ciliegia e la Sogliola sorprenderebbero chiunque perfino il + raffinato esigente dei Gourmet ,..se avresti dato voto 19.5 sarebbe stato onesto anche ,…grazie della visione e del servizio …..toccando il cielo Gourmet (y).

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata