Ravello è una perla, incastonata nella costiera Amalfitana, di rara e intensa bellezza. Un luogo dal fascino unico, un piccolo borgo difficilmente raggiungibile e talmente piccolo e circoscritto da rendere impossibile l’uso di un’auto al suo interno. Qui si respira un’aria tranquilla, sicuramente un po’ snob, ma decisamente ricca di charme e seduzione.

Villa Cimbrone è certamente una delle massime espressioni della bellezza e del fascino di questo piccolo ed incantevole borgo. Con trascorsi importanti alle spalle: appartenne infatti inizialmente alla nobile famiglia degli Acconciajoco e poi dalla metà del 1300 alla potente e facoltosa famiglia dei Fusco, nobile casato ravellese imparentato con i Pitti di Firenze ed i D’Angiò di Napoli.

Il suo giardino botanico, di più di 8 ettari, è una delle attrazioni principali di Ravello e merita la visita, che è aperta anche al pubblico che non soggiorna nella villa. Un luogo davvero magico che, per merito della famiglia Vuilleumier, è da qualche decennio a disposizione appunto sia dei visitatori che degli avventori di questo Hotel di charme.

Un Hotel che ha molti trascorsi storici, infarciti anche da un pizzico di leggenda e gossip. Qui si narra, di fatto, che Greta Garbo, a cui è dedicata una impareggiabile suite, trascorse un periodo di amore intenso con Leopold Stokowsky, geniale compositore di origini Polacche. Sui gusti sessuali di entrambi, così come sull’alone di mistero legato alla vita di Greta Garbo, si sono spesi fiumi di parole. E giustamente qui, in questo luogo magico, si cavalca l’onda dei ricordi e contemporaneamente il fascino del mistero di questa storia.

Ma se avrete l’occasione, unica e imperdibile, di poter soggiornare in questo luogo di grande fascino vi sentirete anche voi, per un giorno o più, ingabbiati in un’aura di luxe, calme e volupté… cullati in un luogo davvero magico.

Alcuni scorci della villa.

Villa Cimbrone, Ravello, salerno, costiera amalfitana

Villa Cimbrone, Ravello, salerno, costiera amalfitana

Villa Cimbrone, Ravello, salerno, costiera amalfitana

Villa Cimbrone, Ravello, salerno, costiera amalfitana

La stupenda suite Garbo, dove si narra soggiornò la femme fatale per la sua fuga d’amore.

Villa Cimbrone, Ravello, salerno, costiera amalfitana

Villa Cimbrone, Ravello, salerno, costiera amalfitana

Villa Cimbrone, Ravello, salerno, costiera amalfitana

Villa Cimbrone, Ravello, salerno, costiera amalfitana

Villa Cimbrone, Ravello, salerno, costiera amalfitana

A proposito dell'autore

Alberto Cauzzi

Imprenditore della New Economy con il pallino dell’enogastronomia, gira il mondo a caccia del miglior ristorante di alta cucina, non ancora trovato. Al vino è approdato apparentemente per caso, provenendo da una famiglia di astemi. Scoprì in seguito che un suo bis-nonno era un ottimo produttore di vino, nebbiolo in Valsesia, ed anche un discreto consumatore. E’ stato l’ideatore ed è il presidente del progetto Passione Gourmet. Le sue passioni: l’avanguardia misurata in cucina e i grandi vini di Borgogna.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata