IN BREVE
Pregi
  • Finissima tecnica, anche nei piatti della tradizione.
DIFETTI
  • I dessert ancora in cerca di identità.
  • L’illuminazione dei tavoli.
16/20 Valutazione

C’è una parola, una sola, che descrive l’esperienza di un pranzo da Angelo Sabatelli in Puglia, nella Monopoli delle cento contrade a ridosso degli scogli a mollo nell’adriatico.
Stupore.
Puntuale, ogni volta che ci torni.

Intanto la masseria, un ricordo di tutto quello che non è più: pietre vissute che resistono alle offese della zona industriale a ridosso del casello, fatta di lamiere e grandi insegne che forse sono messe lì apposta, come ad esaltare la meraviglia che poi, dietro di esse, si cela.

Poi per la cucina, che finalmente valorizza un territorio -di terra e di mare- generoso ed incompreso.

Infine per lo chef-patron, il suo sorriso incorniciato dalla barba, quel camice con la pinzetta infilata nel taschino quasi a voler estrarre con precisione le parole che sceglie per descrivere la sua storia, la famiglia, gli incontri ed i paesaggi, gli odori e i colori dei suoi piatti.

Venire qui sarà mettere in preventivo del tempo in più per quel viaggio nel viaggio, che a forchette ferme sarà ascoltare le sue esperienze intorno al mondo, a raccoglierle ordinatamente, resistendo alla tentazione di scrivere un romanzo e non più una recensione.
Sotto le volte e sopra le chianche che pavimentano la sala sarà subito manifesta la sua idea di accoglienza: un servizio efficace con tempi precisi, gentile e premuroso senza eccessivi formalismi governato dalla moglie con bel mestiere.
Una carta con tre degustazioni o una libera scelta, ampia quanto basta tra memorie di casa e suggestioni orientali, strepitose pagine di bollicine, poi vini bianchi e rossi tra territorio e penisola tutta. E stranieri a parte.
Pani di bella fattura con grissini e taralli. Prima di cominciare l’unico appunto possibile sarà per le luci, diffuse, disperse, forse suggestive ma periferiche rispetto alle sedute.

Subito una lunga serie di appetizer, quasi a sfogliare il block-notes dello chef. Idee, schizzi, intuizioni, sogni: quel datterino ad esempio, del quale vorresti cassette intere. Le chips di patate dolci, l’affumicatura della panna e il peperone cruscoPeperone CruscoPeperone dolce, rosso e a forma conica tipico della Basilicata sottoposto a un particolare shock termico. Prima viene fritto in olio d’oliva e poi posto in freezer o, in inverno, all’aria aperta a raffreddare. Questo processo rende il peperone croccante e conservabile più a lungo, motivo per il quale è presente in molti piatti lucani. Non è da confondere con.... E il fumo che torna nuovamente nella crema di melanzana con olive nere. E poi due piccoli capolavori con la zuppetta di pomodoro con fiori di begonia, pepe e caviale di salmone e l’allievo crudo, crema di mandorle e limone candito ammantati dal velo di seppia maculato di “liquirizia di mare” dove alghe, nero di seppia e riccio sono cristalli di purezza.
E’ l’inizio di un bel percorso, prima con antipasti di grande finezza come il piccolo filetto di sgombro ricco di suggestioni, l’interpretazione della melanzana nel suo caldo/freddo e i gamberi con una fantastica polvere di olio, poi con la certezza della pasta declinata nelle orecchiette, nei capellini ed in un risotto di grande fattura.
Dopo saranno pesce e carne: l’orata, dove le olive sono in salsa, la cicoria in olio e la curcuma in polvere, poi la pancia del maiale, con le rape in una ristretta salsa barbecue con caffè e senape e il vincotto sulla pelle.

Dopo tanto mestiere, qualche incertezza sui dessert, dove probabilmente si è ancora alla ricerca della giusta ispirazione, tra tentazioni dolci e derive salate. Qualche elemento si ripete ma solo a sottolineare una identità forte, una necessità proprio di chi ha vissuto a lungo altrove. Le olive innazitutto, icone del territorio pugliese, del suo paesaggio e dei suoi profumi. Il caffè poi, inteso come spezia con quella nota tostata, ed ancora i sentori arrostiti ed affumicati, a dare forza dove è richiesto un allungo di sapore. Una vera alchimia tra il territorio, questo del vicino oriente d’Italia, con gamberi rossi, ricci, olive, lampascioni, orecchiette e melanzane e gli echi di quello estremo, asiatico, con la curcuma, soya, daikon. Cucina a km zero comunque, non in senso geografico, ma intesa come elaborata con gli ingredienti che ti sono familiari, che appartengono alla tua storia

Ecco, Angelo Sabatelli è questa cosa qua. E avrà ancora molto da dire.

Angelo Sabatelli a parole.
Angelo Sabatelli, Monopoli, Bari
Il lavoro in cucina visto dalla sala.
Angelo Sabatelli, Monopoli, Bari
Particolare della mise en place.
Mise en place, Angelo Sabatelli, Monopoli, Bari
I grissini.
grissini, Angelo Sabatelli, Monopoli, Bari
Datterino, pane e pomodoro. Ricostruzione precisa. Un esercizio di stile già visto, ma qui portato alla perfezione assoluta. Polpa speziata di consistenza quasi liquida, piacevolissima. Sapore intenso.
Datterino, pane, Angelo Sabatelli, Monopoli, Bari
Chips di patata dolce con crema affumicata e peperone crusco. Elegante presentazione, raffinata esecuzione.
Chips, Angelo Sabatelli, Monopoli, Bari
Olive nere. Varietà mele. Fritte. Dolci. La Puglia e la sua materia prima.
Olive Nere, Angelo Sabatelli, Monopoli, Bari
Catalogna con maioneseLa maionese (dal francese mayonnaise o dal catalano maonesa) è una salsa madre, cremosa e omogenea, generalmente di colore bianco o giallo pallido, che viene consumata fredda. Si tratta di un'emulsione stabile di olio vegetale, con tuorlo d'uovo come emulsionante, e aromatizzato con aceto o succo di limone (che aiuta l'emulsionamento). La ricetta tradizionale prevede l'uso di olio d'oliva e... e latte di soya.
Catalogna, Angelo Sabatelli, Monopoli, Bari
Crema di melanzana affumicata con olive nere. Il bicchiere della terra.
Melanzana, Angelo Sabatelli, Monopoli, Bari
Zuppetta di pomodoro con caviale di salmone, fiori di begonia e pepe nero.
zappetta di Pomodoro, Angelo Sabatelli, Monopoli, Bari
Velo di seppia con “liquirizia di mare” (alghe, ricci e nero di seppia in polvere) a celare allievo crudo, crema di mandorle e limone candito. Piccolo grande piatto.
Velo di seppia, Angelo Sabatelli, Monopoli, Bari
Gamberi rossi con yuzuè un albero da frutto distribuito nell'Asia orientale del genere Citrus. Si pensa che sia un ibrido tra il mandarino e il papeda. Il frutto è molto aromatico, il diametro è solitamente compreso tra 5,5 e 7,5 centimetri, ma possono arrivare anche a 10 centimetri...., polvere di olio ed erbe.
Gamberi rossi, Angelo Sabatelli, Monopoli, Bari
Sgombro marinato con salsa di limone arrosto, pomodoro arrosto, daikon e caviale affumicato.
Sgombro marinato, Angelo Sabatelli, Monopoli, Bari
Bianco e nero di melanzana arrosto. La voluttuosa polpa di melanzana glassata in una riduzione di olive nere impaginata tra i fogli di ricotta ghiacciata. Bella l’idea, perfetta la esecuzione.
bianco e nero di Melanzana, Angelo Sabatelli, Monopoli, Bari
Capellini spezzati, fagioli, cozze, farina di ceci e polpettine di seppia. Quasi una zuppa con una scelta di pasta adeguata.
Capellini, Angelo Sabatelli, Monopoli, Bari
Risotto con caciocavallo podolico, albicocche, polvere di caffè e di sedano. Mutevole al palato grazie alla dinamica degli ingredienti. Finale in progressione dell’amaro del caffè. Sabatelli con i risotti è a suo agio.
Risotto caciocavallo, Angelo Sabatelli, Monopoli, Bari
Orecchiette al ragout +30. Il numero è riferito alle ore di cottura. Le orecchiette sono opera di una delle ultime artigiane del territorio. La fonduta di canestrato compatta il tortino. La cucina di casa portata alla perfezione.
Orecchiette al ragù, Angelo Sabatelli, Monopoli, Bari
Orata con salsa di olive alla calce, olio di cicoria e curcuma. Una tradizionale concia delle olive con l’ausilio di calce viva per una salsa di straordinaria efficacia.
Orata, Angelo Sabatelli, Monopoli, Bari
Pancetta di maiale su salsa barbecue e caffè, rape e semi di senape. La sua pelle e il vincotto.
Pancetta di maiale, Angelo Sabatelli, Monopoli, Bari
Cialda di cipolla arrosto con fegatini di piccione, fieno greco e polvere di olive nere. La versione minimal del fegato alla veneziana.
Cialda di cipolla, Angelo Sabatelli, Monopoli, Bari
Fragole al sambucoIl sambuco è un genere di piante tradizionalmente ascritto alla famiglia delle Caprifoliacee, che la moderna classificazione filogenetica colloca nella famiglia Adoxaceae. I fiori del sambuco trovano impiego in erboristeria per la loro azione diaforetica. Con i fiori è possibile fare uno sciroppo, da diluire poi con acqua, ottenendo una bevanda dissetante che è molto usata in Tirolo, in Carnia..., panna e polvere di the verde.
Fragole, Angelo Sabatelli, Monopoli, Bari
Biscotto alle mandorle.
Biscotto alle mandorle, Angelo Sabatelli, Monopoli, Bari
Bonbon di cioccolato fondente, lampascioni canditi e liquore di carciofo. Golosità, territorio e memoria in un piccolo gioiello per fine pasto.
Bon Bon di cioccolato, Angelo Sabatelli, Monopoli, Bari
Gelatine finali.
Gelatine finali, Angelo Sabatelli, Monopoli, Bari

Visitato il 01-2016

2 Risposte

  1. werner besson

    Voto profondamente ingiusto. Purtroppo, data l’ubicazione, ho potuto provare solo una volta questo straordinario ristorante ma, se Parini secondo voi merita 19/20, a Sabatelli bisogna assegnarne almeno 38.

    Rispondi
  2. raphael

    I prezzi attualmente sono un po più alti del 20% circa. A prescindere da ciò Sabatelli rimane un grandissimo chef in odore di seconda stella

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata