IN BREVE
Pregi
  • Uno tra i migliori Menù Omakase fuori dal Giappone.
  • Il servizio molto gentile e premuroso.
  • L'impagabile spettacolo che si ammira dal bancone del sushi.
DIFETTI
  • La difficoltà di prenotazione, sopratutto dei posti al bancone.
  • I ricarichi sulle bevande, davvero importanti.
18/20 Valutazione

Quando Alessandro Borgognone, titolare di questo ristorante, vide l’apprendista Daisuke Nakazawa piangere -nel film “Jiro l’arte del Sushi”- dopo essere stato ripreso dal Maestro per una “frittata” non perfetta, decise che quello doveva essere il suo Chef. Aprì nel 2013 con l’obiettivo di diventare il migliore ristorante di Sushi di New york.
E l’impresa gli è certamente riuscita.

Tanti sono i luoghi, nella Grande Mela, dove poter mangiare un buon -a tratti eccellente- sushi. Ma in nessuno di questi c’è la tendenza alla perfezione stilistica, unita ad una buona dose di sana creatività, che fa di sushi Nakazawa un punto di riferimento del genere. Merito indubbiamente di Nakazawa San, e di ciò che ha appreso alla corte del grande Maestro giapponese.

Questo affascinante gioiello, incastonato in una via del Greenwich Village, è un posto assai ambito, fully-booked per mesi, sia ai normali tavoli che, come potrete immaginare, all’ambitissimo bancone posizionato all’ingresso, in cui è possibile vedere all’opera direttamente il Maestro con tutta la sua stuola di adepti-aiutanti.

E’ intrigante il movimento sinuoso che si scorge da questo angolo di visuale, movimenti frenetici ma al contempo precisi e maniacalmente perfetti. Una vera e propria sinfonia, in cui l’opera portata in scena è la creazione di 21 atti unici che compongo il menù Omakase e che rasentano la perfezione, proiettando una serie infinita di ingredienti, provenienti da ogni parte del globo, in un caleidoscopico tripudio di sapori, odori e essenze.

Perchè Mr. Nakazawa ha evoluto la rigida tradizione del maestro Ono aggiungendo tocchi di creatività, come una salsa al misoE' un condimento di origine giapponese derivato dai semi della soia gialla, cui spesso vengono aggiunti cereali come orzo o riso, segale, grano saraceno o miglio. È diffuso in tutto l'estremo Oriente, soprattutto in Corea e Giappone, dove svolge un ruolo nutrizionale importante, essendo ricco di proteine, vitamine e minerali. Il miso funge da base per numerose ricette e zuppe... fermentato o una pasta di yuzu al wasabiEutrema japonicum, conosciuta comunemente come wasabi o anche con il nome di ravanello giapponese, è una pianta di origine giapponese appartenente alla famiglia delle Brassicacee (o Crocifere). La pianta cresce spontaneamente in vicinanza dei fiumi in zone fredde del Giappone, come per esempio in montagna o nelle valli in quota. Dal rizoma di Eutrema japonicum si ottiene una pasta di..., e selezionando una serie di ingredienti -i migliori- tra quelli reperibili negli Stati Uniti, ma anche oltre confine, non dandosi limite alcuno. Obiettivo la massima soddisfazione dell’avventore, a qualsiasi prezzo.

Ecco quindi i ricci del Maine messi a fianco, in una variazione intrigante, a fantastici ricci provenienti direttamente dalla baia di Hokkaido. Così come lo sgombro spagnolo, affiancato allo sgombro del Pacifico. E poi un tripudio di capesante vive, gamberi blu praticamente uccisi sul banco, tonno in variazione, da magro a grasso, di qualità straordinaria.

Colpisce al cuore e allo stomaco questa esperienza unica, deflagrante, inaspettatamente voluttuosa e divertente. A differenza del suo maestro, Mr. Nakazawa scherza, ride e dialoga con gli ospiti. E così sono invitati a fare tutti i ragazzi dello staff.
Ci sono, dicevamo, altri grandi interpreti di cucina giapponese a New York, ma certamente Sushi Nakazawa può vantare il primato per il menù Omakase migliore della città. Il tutto accompagnato da un servizio di prim’ordine, anch’esso eccelso.

Ecco a voi lo spettacolo!

La mise en place, al super-esclusivo bancone.
520L’ottimo e pregiato Tè Gyokuro, da noi scelto in accompagnamento.

520

Il primo atto unico: Ivory king Salmon (una qualità di salmone selvaggio preziosissima), fiocchi di sale Maldon e polvere di yuzu.
520

La preparazione del secondo pezzo.
520

520

Chum Salmon -letteralmente salmone all’esca- Copper River. Un altro particolare tipo di salmone selvaggio, qui leggermente affumicato al legno di faggio.
520

Preparazione del Wasabi fresco.
520

520

I fantastici ricci della baia di Okkaido.
520

Capasanta viva, si muoveva ancora.
520

Seppia, Sisho e marmellata di lime.
520

Kelp fish (pesce fuco) e composta di radice speziata di Daikon.
520

Saw-Edged Perch e lime.
520

Il fantastico e freschissimo Red Cornetfish…520

…con polvere di zeste di yuzu e soia fermentata.
520

I due sgombri a confronto: sgombro spagnolo e sgombro giapponese. Impressionano le differenze di texture, sapore e intensità. Indovinate a favore di chi?
520

Gambero blu e caviale.
520

La preparazione del granchio reale.
520

520

Granchio reale e polvere di pepe del Giappone.
520

Ricciola (yellowtail) giapponese.
520

Un calice di ottimo sake.
520

… che accompagna un bonito affumicato, che ci ha ricordato lo stupendo bonito provato dal Maestro Jiro Ono.
520

Le tre differenti variazioni di tonno: magro, mediamente grasso e grasso.
520

Ecco qui la variazione, la nostra preferita l’intermedia.
520

Preparazione dei ricci.520

520

Ricci di Hokkaido e del Maine.520

Fantastico temaki con tonno.
520

Tamagoyaki e anguilla affumicata in salsa di soia e caramello.
520

Altro ottimo sake.
520

I bis finali.
520

Tra cui spicca anche una new entry: gambero della baia di San Francisco.
520

Visitato il 12-2015

5 Risposte

  1. Luca Fontana

    Grazie della bella dritta! Al mio prossimo viaggio a NY passerò sicuramente.

    Certo, chiederò niente cose vive nel piatto…questa mania tutta orientale del “è talmente fresco che si muove ancora” mi disturba molto, compresa quella volta che a Kyoto mi hanno dato un pesce cotto solo da un lato, ancora vivo, affinchè il sangue irrorasse ancora la parte cotta per il massimo della succosità….atroce.

    Rispondi
    • Tommaso

      Totalmente d’accordo. Certa gente pensa che un’esperienza superiore per il cliente giustifichi di tutto. Disgustoso.

      Rispondi
  2. nomenomen

    Posso fare una domanda stupida. Cosa si intende con menu omakase? Menu a sorpresa? a mano libera? o semplicemente degustazione?

    Rispondi
    • Presidente
      Presidente

      Letteralmente “Omakase”, in giapponese è, tra l’altro, sinonimo di “fidarsi”.
      Implica la circostanza di instaurare un rapporto di fiducia con lo chef, quando il commensale pronuncia quel fatidico “fai tu”. Quindi vere tutte e tre le risposte alle tue domande …

      Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata