IN BREVE
Pregi
  • Una cucina scoppiettante.
  • Servizio entusiasta e competente.
  • Location davvero suggestiva.
DIFETTI
  • E' ancora il tempo di cene di oltre 20 piatti(ni) e lunghe più di tre ore?
18/20 Valutazione

Di KobeRazza di bovino la cui carne viene considerata una prelibatezza gastronomica giapponese. È un wagyu (bovino giapponese) di manto nero della razza di Tajima, allevato nella Prefettura di Hyogo, l'antica Provincia di Tajima, in Giappone. Questa razza fa parte della "razza nera giapponese" che comprende altre razze simili allevate a Tottori, Shimane e Okayama. Il manzo di Kobe è rinomato... Desramaults e del suo straordinario rifugio nel bel mezzo del nulla parlammo entusiasticamente già quattro anni fa. Un luogo dell’anima, dicemmo, lieti di averlo trovato, in una sera piovosa d’autunno: la classica “impresa” che solo l’appassionato più duro e puro poteva pensare che avesse senso. Una di quelle sempre più rare epifanie che rendono viaggi, spese, litigi familiari, degli effetti collaterali facili da dimenticare.
Il tempo è passato rapido, questo locale è ormai nel radar di tutti i gourmetPersona di palato fine, esperto in vini e vivande. Termine combacia attualmente con un'idea creativa e avanguardista applicata al mondo gastronomico.... d’Europa e il suo artefice è unanimemente riconosciuto come il più rappresentativo esponente di una new wave fiamminga piena di giovani entusiasti, capaci e anche anticonvenzionali quanto basta per non suonare scontati. Tutto ciò è interamente meritato: si respira entusiasmo da queste parti, in cucina, in sala, nelle eleganti e scabre stanze da letto con vista mucche, nella sala della colazione che pare uscita da un quadro secentesco (e che delizie, sia dolci che salate, vi attendono al risveglio).
L’offerta gastronomica lascia poche scelte: due menu, differenti solo per la presenza in quello più ampio di tre piatti in più, e l’abbinamento degli stessi con una serie (ampia) di calici o con un altrettanto ampio set di succhi di frutti o verdure locali, talvolta fermentati; in alternativa, una bella carta dei vini.
E l’esperienza è totalizzante: quasi quattro ore di viaggio, tra la campagna locale e il vicino mare, in un saliscendi di quasi 25 piatti, dosati al millesimo di grammo per non esagerare e far sì che la cena sia “gestibile” da uno stomaco comunque allenato.
Senza descrivere nel dettaglio la sequenza (mostrata comunque di seguito) e detto che non c’è un solo passo falso, ci sembra doverosa però la riflessione, senza avere, noi di PG, una risposta certa: è davvero questa la contemporaneità in cucina?
Lo zenit dell’esperienza gastronomica è nel succedersi di bocconi divini, e unici, nello stare a tavola quattro ore in attesa dello stupore o, più semplicemente, della forchettata (o cucchiaiata) che accende la scintilla del ricordo, più spesso, o dell’inatteso?
E cos’è un grande piatto? Soprattutto: un grande piatto può, oggi, essere proposto solo in forma di singolo boccone, la cui “densità” gustativa è tale da non consentirne, da non renderne sensato il secondo assaggio?

Noi, questa volta, da In De Wulf, certi di aver visto giusto sulla grandezza dell’artefice (perché, ripetiamolo, non un singolo assaggio era sbagliato né per idea né per esecuzione) abbiamo pensato soprattutto a questo; e a quanto ci incuriosirebbe provare questa mano alle prese con un menu di 3-4 portate, tradizionale, se ha un senso dire così. Cosa sceglierebbe, nel suo vastissimo bagaglio di suggestioni, se fosse imbrigliato da quello schema, quali delle tante corde solo accennate prediligerebbe? E, soprattutto, ci stupirebbe e soddisferebbe anche di più?
Fuori dalla riflessione, non si possono non citare tutti gli chef che, nel tempo della cena, si succedono al servizio (in una formula inaugurata al Noma qualche tempo fa) con evidente orgoglio e grande cordialità: bella squadra, davvero.
In ultimo, avendolo provato per la prima volta, solleviamo qualche dubbio sull’abbinamento della cena con succhi di vario tipo, talvolta fermentati: buonissimi in sé quasi tutti, non sono affatto un’alternativa “light” alla più tradizionale sequenza enoica. Lo zucchero è tanto e, anche se talvolta l’abbinamento è davvero azzeccato, già a metà cena un senso di appesantimento e stucchevolezza ha la meglio. Torneremo pescando, poco ma bene, nella carta dei vini, piena di chicche.

Pelle di porco con ribes bianco, in coeografica presentazione “gore”
pelle di porco, In De Wulf, Chef Kobe Desramaults, Heuvelland
Lumache di mare e granchietti
lumache di mare, In De Wulf, Chef Kobe Desramaults, Heuvelland
Formidabile sgombro affumicato all’artemisial'Artemisia appartiene ad un genere di piante angiosperme dicotiledoni appartenenti alla famiglia delle Asteraceae. In cucina, le foglie cotte o crude di Artemisia vulgaris, per merito del loro aroma amaro, aiutano la digestione; per questo in molte zone sono preparate soprattutto come condimento a cibi grassi. Le foglie sono usate anche come infuso, oppure per aromatizzare la birra. Il sapore...
formidabile sgombro, In De Wulf, Chef Kobe Desramaults, Heuvelland
“Kerremelkstampers”, patate con panna acida
patate con panna acida, In De Wulf, Chef Kobe Desramaults, Heuvelland
Rosso d’uovo con radicchio e fiori
rosso d'uovo, In De Wulf, Chef Kobe Desramaults, Heuvelland
Gambero crudo in foglia d’acetosaL'acetosa o erba brusca è una pianta erbacea, perenne, provvista di una grossa radice, dalla quale, in primavera, si sviluppa un fusto eretto, semplice o poco ramificato di colore rossastro, può raggiungere l'altezza di un metro. La pianta contiene vitamina C, ossalato di ferro, acido ossalico e ferro. Ha un sapore acidulo e si usa in aggiunta alle insalate fresche,..., esplosivo
gambero crudo, In De Wulf, Chef Kobe Desramaults, Heuvelland
Il pane, cotto nel forno a legna all’esterno del ristorante. Di livello davvero notevolissimo, una crosta che inebria
pane, In De Wulf, Chef Kobe Desramaults, Heuvelland
Verdesca, sedano rapa e rabarbaro
verdesca, sedano rapa, In De Wulf, Chef Kobe Desramaults, Heuvelland
La soave zucchina con granchio del mare del nord
zucchina con granchio, In De Wulf, Chef Kobe Desramaults, Heuvelland
Il piatto della serata, per noi, la razza cotta nel brodo delle sue lische. Spettacolare nella sua purezza e intensità gustativa
razza cotta, In De Wulf, Chef Kobe Desramaults, Heuvelland
La “mouclade”, zuppa di cozze, prima in una sua ricostruzione vegetale con tartelette, poi in versione classica
zuppa do cozze, tartelette, In De Wulf, Chef Kobe Desramaults, Heuvelland
zuppa di cozze, In De Wulf, Chef Kobe Desramaults, Heuvelland
Il meraviglioso astice di Audresselles, nella top 5 dei più buoni mai gustati
astice, In De Wulf, Chef Kobe Desramaults, Heuvelland
Lumache e porri
Lumache porri, In De Wulf, Chef Kobe Desramaults, Heuvelland
Funghi delle artdenne
Funghi, In De Wulf, Chef Kobe Desramaults, Heuvelland
Cavolfiore e salsa alle cozze
Cavolfiore e salsa cozze, In De Wulf, Chef Kobe Desramaults, Heuvelland
Agnello alla brace, fave pisellini, formaggio di capra
agnello alla brace, In De Wulf, Chef Kobe Desramaults, Heuvelland
Piccione di Steenvoorde, frollato in avena per 5 settimane. Da impazzire il crostino con le sue interiora
piccione, In De Wulf, Chef Kobe Desramaults, Heuvelland
piccione, In De Wulf, Chef Kobe Desramaults, Heuvelland
La notevole pizza al Maroilles
pizza al maroilles, In De Wulf, Chef Kobe Desramaults, Heuvelland
Yogurt, miele, mirabelle
yogurt, miele, mirabelle, In De Wulf, Chef Kobe Desramaults, Heuvelland
Camomilla selvatica e cetriolino
camomilla selvatica, In De Wulf, Chef Kobe Desramaults, Heuvelland
Ricordo dell’infanzia dello chef, l’Oud Kriekbeer, con bacche selvatiche e gelato al latte fresco
gelato, In De Wulf, Chef Kobe Desramaults, Heuvelland
Barbabietola con prugnola
barbabietola, In De Wulf, Chef Kobe Desramaults, Heuvelland
Gli ultimi fuochi…
fuochi, In De Wulf, Chef Kobe Desramaults, Heuvelland
Il Forno
forno, In De Wulf, Chef Kobe Desramaults, Heuvelland
E’ bello, di tanto in tanto, pensare alle vacche…
vacche, In De Wulf, Chef Kobe Desramaults, Heuvelland

Visitato il 08-2014

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata